mapFeriale: ore 7.00 e 16.30
Festivo: ore 10.00 e 16.30
…dalla terra il Signore fa crescere erbe medicinali e chi ha buonsenso non le rifiuta….
Siracide,XXXVIII,4-8

Don Vincenzo Marchetti

Monday, 17 February 2014 21:30

UNA PICCOLA PAROLA ILLUMINA IL CAMMINO

Fiat! È una piccola parola, dolce ricovero innalzato dal buon Dio in mezzo a questo deserto sì arido e difficile da attraversare, che si chiama la vita.

  Fiat! Esprime l'atto del fanciullo che si getta con amore sul seno del padre finché passa l'uragano: l'atto del povero abbandonato che, dopo lunghi anni di vita triste e solitaria, ritrova la sua madre; l'atto dell'esiliato che, ricondotto sotto il tetto della sua infanzia, e rivedendo commosso tutto ciò che egli ha amato, non sa altro ripetere che: Io qui voglio morire!

  Fiat! Pronunciatela questa parola, cuori spezzati dalla sofferenza e dalla lotta, o straziati dalla sofferenza dei vostri più cari, e sarà per voi un balsamo che vi guarirà.

  Fiat! Pronunciate questa parola, cuori rattristati dalla solitudine, scoraggiati per l'abbandono, e sarà per voi l'amico che consola, l'appoggio che sostiene!

  Fiat ! Pronunciate questa parola, cuori timidi, che siete incerti sulla strada da scegliere e non sapete a chi indirizzarvi, e per voi sarà la luce che vi mostrerà il cammino.

  Fiat! Pronunciate questa parola, o voi che volete allontanare da coloro che amate il timore che li agita od il male che li minaccia, ed essa li ospiterà sotto le sue ali, e l'uragano passerà senza toccarli.

  Fiat! Pronunciatela questa soave parola, o figli e amici miei, pronunciatela ad ogni respiro, ad ogni battito del cuore, ad ogni movimento delle labbra. Dio la comprenderà sempre nel modo in cui volete ch'egli la comprenda, ora come preghiera, ora come atto di fede, nel dubbio, come atto di speranza nel timore, e sempre come atto di amore.

  Fiat! Questa parola non si può dire che a Voi, o mio Dio, perché a Voi solo possiamo pienamente confidarci, dedicarci, abbandonarci, interamente.

                              Fiat!

Nelle vostre mani dunque,

nelle vostre mani, o mio Dio!

Fiat! Fiat!

In questi giorni di mortale tristezza,

io ve la grido dal fondo dell'anima desolata,

m'inabisso in questa parola suprema

con tutto ciò che più amo: Fiat! Fiat!   

Lavorate, lavorate questo fango, o mio Dio,

dategli una forma e poi spezzatela ancora:

essa è vostra e di chi fa per Voi,

e non avrà mai più nulla a ridire.

O quanti sforzi, o Signore,

per arrivare sino a questo punto!

Quanto di umano Si è dovuto abbattere e calpestare!

Ora vi ringrazio dal profondo del cuore!

Fiat! Fiat!

Sofferente, innalzato, abbassato,

utile a qualche cosa od inutile a tutti,

 io vi adorerò sempre e sarò sempre vostro, o mio Dio!

Nessuno mi staccherà da Voi!

Nelle gioie e nei dolori sarò sempre tuo,

o dolcissimo mio amore Gesù.

Solitario ed ignorato, come il fiore del deserto,

errante come l'uccello senza nido,

sempre, sempre,

Signore e Amore soavissimo dell'anima mia,

uscirà dalle mie labbra la parola sottomessa

di quella che mi hai dato per Madre: Fiat ! Fiat !

Sia fatto di me secondo la tua parola!

 

“Opera della divina Provvidenza”, 03.settembre,1899

Monday, 17 February 2014 21:30

Vincolo di comunione fraterna

·     Ogni mattina sull'altare io  mi sento tanto tanto vicino a voi, e spero che anche voi ogni giorno vi sentirete con Gesù Signor Nostro vicini a me! Su via, o miei figli, la vita è breve, la fatica   breve, e il Paradiso ci aspetta! Su via, o miei cari figliuoli, andiamo avanti insieme! Gesù è con noi! Andiamo avanti insieme, cioè d'un volere e d'un amore, insieme! Questa è la forza della nostra vita religiosa. (L I,441)

 

·     L'Angelo del Signore ci accompagni tutti! Noi saremo sempre vicini in ispirito e ai piedi del Tabernacolo e, pur lontani, vi penseremo col cuore, e sempre e ad ogni ora pregheremo per voi. (LI, 280). 

Monday, 17 February 2014 21:30

Impegno di conversione e santificazione

·     Sì, Ti ameremo, o Signore, Dio d'amore, nostra fortezza e nostro rifugio, cuore del nostro cuore, palpito unico della nostra vita! Custodiscici, o Signore, perché le molte amarezze e disinganni, le molte acque non abbiano ad estinguere in noi il fuoco della tua carità. Gesù, Tu sei il nostro Dio, il nostro Salvatore, la nostra misericordia, Tu la Carità. (L II,142)

Monday, 17 February 2014 21:29

Preghiera di lode, di ringraziamento...

·     Oh sì, Gesù mio, che io anelo a cantarlo soavissimamente il cantico divino della tua carità; ma non voglio aspettare, no, a cantarlo entrando in Paradiso, ma, per la Tua infinita misericordia, ti supplico, o mio dolce Signore e Padre e Maestro e Salvatore dell'anima mia. (VOL.1 33:425)

 

·     Con la fronte a terra, in adorazione davanti a Dio, confesso e manifesto, a solo Suo onore e gloria e a Vostro conforto, che, più di una volta e in modi diversi e mirabili, quest'anno ho visto e ho toccato la Mano di Dio. (L II,320)

Monday, 17 February 2014 21:29

Preghiera continua

E continuerò a pregare - sine intermissione - e di dì e di notte, ma specialmente sulI'altare. Che tutti siate rinnovati nello spirito, e fermamente decisi di amare e servire - Deo adiuvante  -  Gesù Cristo Signor Nostro, di vivere e di morire per Lui, ai piedi della Santa Chiesa, in umiltà e carità grande, sino all'olocausto di noi, di tutti noi, affidati totalmente alla Divina Provvidenza e alla SS.ma Madre e Celeste Fondatrice di questa Piccola Opera. (L II,350)

Desiderata

Procedi con calma tra il frastuono e la fretta, e ricorda quale pace possa esservi nel silenzio. Per quanto puoi, senza cedimenti mantieniti in buoni rapporti con tutti. Esponi la tua opinione con tranquilla chiarezza, e ascolta gli altri; pur se noiosi e incolti, hanno anch’essi una loro storia. Evita le persone volgari e prepotenti: costituiscono un tormento per lo spirito. Se insisti nel confrontarti con gli altri, rischi di diventare borioso e amaro, perchè sempre esisteranno individui migliori e peggiori di te. Godi dei tuoi successi e anche dei tuoi progetti. Mantieni interesse per la tua professione, per quanto umile, essa costituisce un vero patrimonio nella mutevole fortuna del tempo. Usa prudenza nei tuoi affari, perchè il mondo è pieno d’inganno. Ma questo non ti renda cieco a quanto vi è di virtù; molti sono coloro che perseguono alti ideali e dovunque la vita è colma di eroismo. Sii te stesso. Soprattutto non fingere negli affetti. Non ostentare cinismo verso l’amore, perchè, pur di fronte a qualsiasi delusione e aridità, esso resta perenne come il sempreverde. Accetta docile la saggezza dell’età, lasciando con serenità le cose della giovinezza. Coltiva la forza d’animo, per difenderti nelle calamità improvvise. Ma non tormentarti con delle fantasie: molte paure nascono da stanchezza e solitudine. Al di là d’una sana disciplina, sii tollerante con te stesso. Tu sei figlio dell’universo non meno degli alberi e delle stelle, ed hai pieno diritto d’esistere. E convinto, o non convinto che tu ne sia, non v’è dubbio che l’universo si sta evolvendo a dovere. Perciò sta in pace con Dio, qualunque sia il concetto che hai di Lui. E quali siano i tuoi affanni e aspirazioni, nella chiassosa confusione dell’esistenza, mantieniti in pace col tuo spirito. Nonostante i suoi inganni, travagli e sogni infranti, questo è pur sempre un mondo meraviglioso. Sii prudente. Sforzati d’essere felice. Manoscritto del 1692.

ATTENZIONE

Queste schede non vogliono sostituire in alcun modo la professione medica. Doveroso consultare il medico immediatamente all’insorgere di qualsiasi disturbo o disagio psico-fisico. Non esiste una vera guarigione senza un atteggiamento di consapevole ricerca spirituale verso un bene comune e diffuso che ci porterà ad un equilibrio armonioso fra CORPO-MENTE-SPIRITO

Preghiera di Frate Ave Maria

O Gesù, luce vera venuta nel mondo a illuminare tutte le anime,
ti ringraziamo di aver chiamato, attraverso la sventura della cecità fisica, Frate Ave Maria
alla luminosa notte di una vita tutta spesa, in penitenza e gioiosa preghiera,
per indicare agli sfiduciati le mirabili certezze della fede.
Concedi anche a noi di camminare, allo splendore del tuo volto,
in grazia e carità operosa per il bene dei fratelli,
ed esaudisci, per sua intercessione,
la supplica che ti presentiamo.
Gloria al Padre, e al Figlio, e allo Spirito Santo….

Preghiera di S. Alberto Abate

Amabilissimo Sant’Alberto, che dopo nove secoli dalla tua santa morte in quest’Eremo
Intriso di verde e di silenzio, hai ancora su di noi, tormentati uomini d’oggi,
un suggestivo richiamo al riposo dello spirito, ascolta le nostre umili richieste.
Aiutaci a staccare il cuore da tante cose terrene ed inutili,
per amare di pù l’evangelica povertà.
Fa che, aspirando ai beni eterni che ci attendono,
possiamo trasformare in preghiera il lavoro, le gioie, i dolori,
in un crescendo di elevazione a Dio.
Aprici il cuore per tendere, sorridendo, la mano a chi soffre
Ed ha fame di pane e d’amore, donando ai fratelli qualcosa di nostro e di noi.
Grazie, Sant’Alberto, per l’esempio di santità che ci hai lasciato;
la tua spirituale vicinanza su questa terra
sia per noi preludio di eterna felicità,
immersi insieme a te nell’infinito amore.