mapFeriale: ore 7.00 e 16.30
Festivo: ore 10.00 e 16.30
Feb 17, 2014 Written by 

O SANTA MADONNA DELLA GUARDIA

Vogliamo noi diventare i tuoi fiori,

fiori di sante virtù,

i tuoi fiori, o Maria,

il tuo mistico giardino!

Aiutaci, o Santa Vergine:

guardaci e trasformaci in fiori!

 

    Chiedi che vengano a te

i malati di anima e di corpo,

i sofferenti, i tribolati,

gli ondeggianti nel dubbio 

e che tutti invochino il tuo santo nome.

Verremo, verremo, o Maria!

Alzeremo a Te un trono d'oro

fatto dei nostri cuori,

intoneremo a Te un cantico di gratitudine,

che avrà risonanze lontane.

 

    Solo fa, o Vergine celeste, che le nostre miserie

non abbiano mai ad impedire

che da questo tuo trono di grazie

si diffonda nel mondo la tua gloria.

Fa che ogni nostro desiderio,

ogni parola, ogni atto sia fragrante del tuo amore,

o Santa Madonna della Guardia!...

                                        Don Orione  nella luce di Maria, Roma, III,1677

2029
Login to post comments

La Parola di oggi

Quando, facendo la mietitura nel tuo campo, vi avrai dimenticato qualche spiga, non tornare a prenderle. Esse saranno dello straniero, dell'orfano e della vedova. Ti ricorderai che sei stato schiavo nel paese di Egitto; percio' ti comando di fare questa cosa.
Deuteronomio 24,19
Home Page

Vivere Cantando l' Amore

Preghiera di Frate Ave Maria

O Gesù, luce vera venuta nel mondo a illuminare tutte le anime,
ti ringraziamo di aver chiamato, attraverso la sventura della cecità fisica, Frate Ave Maria
alla luminosa notte di una vita tutta spesa, in penitenza e gioiosa preghiera,
per indicare agli sfiduciati le mirabili certezze della fede.
Concedi anche a noi di camminare, allo splendore del tuo volto,
in grazia e carità operosa per il bene dei fratelli,
ed esaudisci, per sua intercessione,
la supplica che ti presentiamo.
Gloria al Padre, e al Figlio, e allo Spirito Santo….

Preghiera di S. Alberto Abate

Amabilissimo Sant’Alberto, che dopo nove secoli dalla tua santa morte in quest’Eremo
Intriso di verde e di silenzio, hai ancora su di noi, tormentati uomini d’oggi,
un suggestivo richiamo al riposo dello spirito, ascolta le nostre umili richieste.
Aiutaci a staccare il cuore da tante cose terrene ed inutili,
per amare di pù l’evangelica povertà.
Fa che, aspirando ai beni eterni che ci attendono,
possiamo trasformare in preghiera il lavoro, le gioie, i dolori,
in un crescendo di elevazione a Dio.
Aprici il cuore per tendere, sorridendo, la mano a chi soffre
Ed ha fame di pane e d’amore, donando ai fratelli qualcosa di nostro e di noi.
Grazie, Sant’Alberto, per l’esempio di santità che ci hai lasciato;
la tua spirituale vicinanza su questa terra
sia per noi preludio di eterna felicità,
immersi insieme a te nell’infinito amore.